Serravalle, dal biogas al biometano.

Serravalle a Po (Adn Kronos – Nicola Antonietti) – La Conferenza di Servizi è prevista in Provincia di Mantova per il prossimo 31 gennaio; in quell’occasione arriverà, probabilmente, la pronuncia definitiva sul progetto di parziale riconversione di uno dei due impianti a biogas – afferenti due società diverse ma legate di fatto tra di loro – situati in via Terzi, nella località serravallese di Libiola, praticamente sul confine col vicino comune di Sustinente (che è da tempo in unione con Serravalle a Po e che parteciperà anch’esso alla Conferenza di Servizi). Il progetto, presentato dalle due aziende, prevede una modifica dell’impianto con l’inserimento di un sistema di depurazione del biogas in biometano corredato da un piano alimentare (in sostanza l’elenco delle materie utilizzate per la produzione del biogas e – con la modifica dell’impianto – del biometano) e completato dalla copertura della vasca di stoccaggio con recupero dei gas; in sostanza le eccedenze del biogas, che le due aziende usano per produrre energia elettrica, verranno convertite in biometano che sarà poi ceduto al metanodotto che passa più a nord, sempre nel territorio di Serravalle e per il quale è già stata inoltrata a Snam una specifica richiesta di allaccio. Per quanto riguarda le materie utilizzate, se in passato l’impianto era alimentato con insilato di cereali interi e di mais, glicerina grezza, sottoprodotti lavorazione, e pulitura cereali e reflui zootecnici, qualora il progetto dovesse essere approvato e diventare effettivo, esso sarà alimentato anche con letame bovino, colatura di grasso suino, melasso (da barbabietole) e scarti di sementi ortive. In ogni caso non è presente, nell’elenco delle metarie utilizzate, la ormai famigerata Forsu (ovvero la frazione organica del rifiuto solido urbano) che tanto sta facendo discutere a Magnacavallo dove, lo ricordiamo, si sta discutendo di un impianto ex-novo e non della riconversione di un impianto già esistente e da diverso tempo sul territorio comunale. Il sindaco di Serravalle a Po ha ricevuto in questi giorni le relazioni di entrambe le aziende e sta effettuando le proprie valutazioni quindi, al momento, non ha rilasciato dichiarazioni, preferendo attendere la convocazione della Conferenza di Servizi che si svolgerà tra due settimane.

2018-01-29T09:06:33+00:0020 gennaio 2018|